Fabrizio W. Luciolli

Presidente, Comitato Atlantico Italiano e Atlantic Treaty Association

FWL_2014_SRPresidente del Comitato Atlantico Italiano e dell’Atlantic Treaty Association, il Prof. Luciolli svolge attività di formazione in varie istituzioni nazionali ed internazionali, militari ed accademiche. Dal 2000 al 2015, è stato Docente di Organizzazioni Internazionali per la Sicurezza, Politica Militare e Politica di Sicurezza Nazionale presso il Centro Alti Studi per la Difesa.  Già coordinatore di Corsi di alta formazione per ufficiali e diplomatici dei Balcani occidentali e del Medio Oriente, è Direttore e promotore di progetti di cooperazione NATO e UE in Europa centrale ed orientale, e in paesi del Mediterraneo e Medio Oriente. Il Prof. Luciolli è, inoltre, consulente di vari membri del Parlamento in materia di politica estera e sicurezza, nonché autore di saggi ed articoli pubblicati su riviste nazionali ed estere.

NATO esce rafforzata dal vertice di Bruxelles

Contrariamente a talune previsioni della vigilia, le conclusioni del vertice sono andate oltre le più ottimistiche previsioni. L’impulso impresso dal presidente Trump al dibattito per una più equa ripartizione degli oneri a livello transatlantico ha decisamente contribuito ad accrescere l’impegno degli alleati europei, trasformando una semplice volontà di destinare il 2% del Pil alle spese per la difesa in un vero impegno sottoposto a verifiche annuali.La “Unity and Resolve” che scaturisce dalla Dichiarazione finale proietta la Nato verso il traguardo dei 70 anni con ruolo e capacità rafforzate.

L’Italia riprenda la rotta atlantica

E' attraverso lo snodo transatlantico che l’Italia può più agevolmente recuperare il peso che le compete in Europa per perseguire più efficacemente i propri interessi nazionali e qualificare i compiti che la NATO dovrà affrontare nella regione mediterranea.

Turchia e NATO: un’Alleanza destinata a durare

Un impegno comune quello che lega da oltre sessantacinque anni la Turchia e la NATO che difficilmente potrà essere scalfito da interessi e frizioni contingenti o sostituito da altre direttrici strategiche. Nel dialogo con la Turchia, la NATO rivela ancora una volta la sua unicità quale foro transatlantico di consultazione politica sui temi di sicurezza.

Harmel e il Vertice NATO 2018

I vertici NATO di Varsavia e Bruxelles hanno aggiornato la strategia di Harmel di deterrenza e difesa a 360° e un ulteriore adattamento avrà luogo nel Vertice di Bruxelles dell'11-12 luglio 2018.

NATO, UE, industria e la cooperazione per la sicurezza cibernetica

Conferenza internazionale su "NATO, UE, Industria e la cooperazione per la sicurezza cibernetica" promossa dall'ATA presso il Parlamento Europeo il 28 giugno. La Conferenza ha riunito i più alti esponenti delle NATO, dell'Unione Europea, del mondo politico, unitamente a rappresentanti dell'industria ed esperti, per uno scambio transatlantico di best practices per una più efficace cooperazione per la sicurezza cibernetica.
Intervento
Programma

HAC_25th Jubilee Celebration

Nato: a Budapest celebrazione venticinquesimo anniversario Consiglio atlantico ungherese Budapest, 09 mar 09:09 – (Agenzia Nova) – Si svolge oggi a Budapest la cerimonia per commemorare i venticinque anni del Consiglio atlantico ungherese. Presenti per l’occasione personalità internazionali dell’Atlantic Treaty Association (Ata) oltre che esponenti del governo ungherese, tra cui il ministro della Difesa Istvan Simicsko. L’evento sarà aperto dal presidente del Consiglio atlantico dell’Ungheria, Szilveszter Vizi. Per l’occasione sarà a Budapest anche il presidente dell’Ata (e del Comitato atlantico italiano), Fabrizio W. Luciolli. A prendere parte alla cerimonia, tra gli altri, l’ambasciatore turco Tacan Ildem (Nato Public Diplomacy Division-Pdd), il presidente della Commissione atlantica della Slovacchia (Sac), Rastislav Kacer, il presidente di “Jagello 2000″ (il Consiglio euro-atlantico della Repubblica Ceca), Zbynek Pavlacik, e il vicesegretario di stato per gli affari esteri e il commercio dell’Ungheria, Levente Benko. (Res) © Agenzia Nova – Riproduzione riservata Ungheria: Luciolli (Comitato atlantico), con cooperazione Nato e Ue possibile affrontare sfide attuali Budapest, 09 mar 20:41 – (Agenzia Nova) – Con una solida cooperazione...

L’Italia e la Riunione NATO di Bruxelles

Nell'attuale scenario di sicurezza occorre riscrivere il legame transatlantico su un equazione nuova, che sia basata su parametri più equilibrati tra le due sponde dell'Atlantico. A seguito della Brexit, l'Italia è un perno ancor più fondamentale nel contesto europeo e atlantico, mantenendo un rapporto privilegiato sia con gli Stati Uniti che con Mosca, e con una sensibilità unica e un potenziale di leadership nel Mediterraneo.

La cooperazione NATO – UE e il Rapporto dei Tre

Così come enunciato nel 1956 dal Rapporto dei Tre, la sicurezza è molto più che un problema militare e il rafforzamento della cooperazione politica, economica e culturale e tra la NATO e l'Unione Europea, appare oggi necessaria per sviluppare una strategia globale in grado di dare risposta ai diversi aspetti delle moderne minacce alla sicurezza, quali quelle ibride.

Trump, la NATO e l’Italia

Trump può rappresentare una straordinaria occasione per entrambe le sponde dell'Atlantico. Per la Nato e l'UE è un'occasione per rafforzare in maniera più equilibrata la loro collaborazione e partenariato strategico.