STUDI

Il jihadista della porta accanto

566-1049-9_d628ee6a1f3c4e4797c8b2a01262c37a

Chi sono i jihadisti senza volto che parlano italiano, francese, inglese, tedesco e mozzano le teste agli infedeli occidentali? Khaled Fouad Allam dipana un’intricata matassa cominciando dalla storia del primo jihadista europeo diventato terrorista nel 1995. L’autore rintraccia le radici dell’euro-terrorismo, entrando nella psicologia del moderno radicalismo islamico che si serve di Internet per cercare consenso e globalizzare la paura.

Tre priorità per il futuro della NATO

S.E. Jens Stoltenberg - Segretario Generale NATO
Official portrait of NATO Secretary General Jens  Stoltenberg

Al Summit NATO del Galles sono state individuate tre priorità: primo, mantenere forte la NATO come Alleanza politica e militare; secondo, lavorare con i nostri partner per portare maggiore stabilità nel nostro vicinato; terzo, tutti gli alleati dovranno fare la loro parte. Queste priorità d'azione verranno tradotte in risultati concreti prima del prossimo Summit di Varsavia nel 2016.

Iraq, il dilemma dei cristiani

S.E. Habeeb Mohammed Hadi Ali Al Sadr - Ambasciatore della Repubblica dell'Iraq presso la Santa Sede
iraqi-christians

A causa dell’occupazione dell’Iraq da parte dell’ISIS, tutti I leader religiosi cristiani del Medio Oriente continuano a chiedere con forza alla comunità internazionale di salvare i cristiani dispersi, prevenire la loro emigrazione e liberare il paese. Se lo scenario attuale si protrarrà nel tempo, saremo responsabili di aver inflitto un colpo mortale alla multiculturalità dell'identità irachena. La nuova generazione irachena ha il compito di costruire un futuro migliore, consolidando le relazioni tra cristiani e musulmani e costruendo ponti di pace tra le due religioni.

 

La necessità del dialogo interreligioso, Francesco Zannini, PISAI
Le sfide dei cristiani in Turchia, Michelangelo Guida, Istanbul 29 Mayis University
L'evoluzione della condizione dei cristiani nel Golfo, J.L. Samaan, NATO Defense Coll.
Il dramma dei cristiani nell'Africa Sub-Sahariana, Anna Bono, Universita' di Torino
Essere cristiani nel Corno d'Africa, Federico Battera, Università di Trieste
La Russia e la difesa dei cristiani in Medio Oriente, Marta Allevato, AsiaNews
Le donne cristiane nel mondo musulmano, Marta Petrosillo, ACS Italia

La necessità del dialogo interreligioso

Prof. Francesco Zannini - Pontifical Institute for Arabic and Islamic Studies
POPE_FRANCIS

La libertà religiosa e la necessità del dialogo sono una questione dirimente per i cristiani del Medio Oriente, dove spesso un'interpretazione della legge islamica sembra negare i diritti umani fondamentali, compreso quello di praticare la propria religione. Ciò malgrado il fatto che alcuni pensatori musulmani siano stati tra i primi a incorporare le idee di tolleranza e tutela delle minoranze nei propri sistemi legali. Il dialogo tra musulmani e cristiani è quindi indispensabile a sostenere oggi la tradizione di questi pensatori musulmani.

Un nuovo scenario strategico per NATO e ATA

Fabrizio W. Luciolli - Presidente, Comitato Atlantico Italiano e Atlantic Treaty Association
FWL_Galles

Il 2014 è un anno significativo per NATO e ATA. La missione in Afghanistan sta per volgere al termine e dobbiamo evitare che il paese torni a essere un punto di riferimento per il terrorismo internazionale. Ai nostri confini orientali, stiamo nuovamente affrontando una minaccia diretta di tipo convenzionale, mentre le crescenti tensioni in Africa e Medio Oriente pongono importanti sfide ai confini meridionali dell'Alleanza.