6_34

Il futuro della sicurezza nel Mediterraneo

Il Presidente del Comitato Atlantico Italiano e dell'Atlantic Treaty Association, Prof. Fabrizio W. Luciolli, ha tenuto una conferenza sul tema "La NATO, i Comitati Atlantici e il futuro della sicurezza cooperativa nel Mediterraneo", in occasione dell'inaugurazione del Club Atlantico di Napoli svoltasi presso Palazzo della Borsa. All'evento è intervenuto il Comandante dell'Allied Joint Force Command Naples, Generale di Corpo d'Armata, Leonardo di Marco.

fwl_1

NATO, Montenegro e Balcani occidentali

Prof. Fabrizio W. Luciolli
Presidente, Comitato Atlantico Italiano e Atlantic Treaty Association

Il prossimo ingresso del Montenegro della NATO consolida il processo d'integrazione nelle istituzioni europee e atlantiche dei Balcani occidentali. Lo ha detto Fabrizio W. Luciolli, Presidente del Comitato Atlantico Italiano e dell'Atlantic Treaty Association. Questo ingresso rappresenta un grande vantaggio ai fini della stabilità e della sicurezza regionale e ribadisce la politica della ‘porta aperta’ dell’Alleanza Atlantica (Intervista - Agenzia Nova).

NATO-4738-47 (2)

ATA – IL FUTURO DELLA SICUREZZA COOPERATIVA

Il 19 novembre si è svolta a Bruxelles la Conferenza internazionale Terrorismo, Sicurezza cooperativa e minacce interconnesse, organizzata dall'Atlantic Treaty Association in collaborazione con il Comitato Atlantico Italiano. La Conferenza ha analizzato le minacce e le sfide comuni alla sicurezza della regione euro-atlantica, mediterranea e del Golfo. Ai lavori ha preso parte anche il Segretario Generale Delegato della NATO, Amb. Alexander Vershbow.

NATO-ATA: Conferenza su sicurezza cooperativa e minacce non militari

BUDVA_140529_r

L’Italia al vertice dell’ATA

Il presidente del Comitato Atlantico Italiano, Fabrizio W. Luciolli, è stato eletto all'unanimità Presidente dell’Atlantic Treaty Association (ATA) per il triennio 2015 - 2017. All'ATA aderiscono i Comitati Atlantici nazionali di tutti i paesi membri e partner della NATO."Il ritorno dopo sessanta anni di un italiano al vertice dell'ATA rappresenta un significativo riconoscimento dei programmi di cooperazione internazionale condotti sui temi di sicurezza dal Comitato Atlantico Italiano nei Balcani, nel Mediterraneo e in Medio Oriente", ha dichiarato Luciolli.

ISOC 3

COOPERAZIONE

Nel quadro delle sue attività internazionali, il Comitato Atlantico Italiano realizza numerosi  programmi di dialogo e cooperazione con i Paesi membri della NATO e con i suoi partner all'interno del programma di Partenariato per la Pace, del Dialogo Mediterraneo e dell'Iniziativa di Cooperazione di Istanbul. Una particolare attenzione è dedicata ai Balcani, alla regione mediterranea e mediorientale, alle relazioni transatlantiche. Programmi di formazione e cooperazione internazionale sono svolti anche in Paesi non aderenti alle iniziative di partenariato della NATO.

ISMA_fwl_hires

FORMAZIONE

Il Comitato Atlantico Italiano cura l’organizzazione di attività didattiche e di formazione su tematiche atlantiche e di sicurezza per personale civile e militare, nonché conferenze e dibattiti presso istituti accademici e scolastici. Programmi didattici e di formazione sono promossi anche in ambito internazionale. Particolare attenzione è riservata dal Comitato Atlantico Italiano alla formazione giovanile attraverso la realizzazione di iniziative seminariali, nazionali ed internazionali, volte a sensibilizzare le nuove generazioni sui temi di politica estera, sicurezza, difesa ed economia internazionale.

 

TERRORISMO

Terrorismo, minacce interconnesse e il futuro della sicurezza cooperativa

Prof. Fabrizio W. Luciolli
Presidente, Comitato Atlantico Italiano e Atlantic Treaty Association
??????????????????????????????????

Anche se il terrorismo non è un fenomeno nuovo nel panorama della sicurezza, la nuova minaccia terroristica a cui ci troviamo di fronte oggi ha caratteristiche senza precedenti che devono essere prese in considerazione per lo sviluppo di contromisure più efficaci. Ora è il momento di agire, non solo di reagire, con un approccio di sicurezza cooperativa e una visione strategica efficaci, in grado di affrontare tutte le nuove dimensioni del terrorismo. Tre sono i livelli di una strategia efficace contro il terrorismo: cooperazione internazionale attraverso le organizzazioni internazionali, i governi nazionali e singoli cittadini. Intervista

Mediterraneo-Medio Oriente

Arabia Saudita-Iran: evoluzione della crisi e prospettive di distensione

Emiliano Stornelli
Direttore, Programmi Mediterraneo e Medio Oriente, Comitato Atlantico Italiano
al-nimr

Con l’esecuzione dello sceicco sciita al-Nimr in Arabia Saudita e la veemente risposta iraniana, il Medio Oriente ha inaugurato il 2016 nel segno di un ulteriore aggravamento dello scenario di sicurezza. La guerra fredda islamica attraversa una fase di pericoloso surriscaldamento, che rende ancora più ardue le prospettive di stabilizzazione dell’area. Esistono, nondimeno, strade politiche e diplomatiche che se percorse potrebbero condurre a una distensione.

RSC – RELIGION & SECURITY COUNCIL

??????????????

In un’epoca in cui ideologie e narrative a sfondo religioso vengono sempre più sfruttate per scatenare conflitti armati e violenza, il Religion & Security Council (RSC) promuove la risoluzione dei conflitti e un approccio cooperativo alla sicurezza attraverso l'impegno attivo nella dimensione religiosa delle crisi internazionali. RSC coinvolge nelle sue iniziative decision-makers, officials, accademici ed esperti con diversi background ma un obiettivo comune: far leva sul grande potenziale delle religioni per ottenere sicurezza e stabilità come piattaforma su cui costruire una pace duratura, sviluppo socio-economico e rispetto per i diritti umani su scala globale.

 

Mediterraneo-Medio Oriente

Turchia-Russia: diplomazia, de-escalation e sicurezza cooperativa

Emiliano Stornelli
Direttore, Programmi Mediterraneo e Medio Oriente, Comitato Atlantico Italiano
erdogan-putin-istanbul

Dopo l’abbattimento di un jet russo da parte turca, una rottura tra Mosca e Ankara comprometterebbe la stabilizzazione della Siria, con ripercussioni anche in altri quadranti geopolitici.

Mediterraneo-Medio Oriente

Italia e Siria: potenzialità e contraddizioni

Emiliano Stornelli
Direttore, Programmi Mediterraneo e Medio Oriente, Comitato Atlantico Italiano
putin-obama_3463141b

L'Italia ha davanti a sé ampi spazi per svolgere un ruolo di primo piano nella stabilizzazione della Siria. Tuttavia, lo smarrimento della sua cultura di politica estera e la mancanza di una visione strategica fanno sì che l’Italia continui a non esprimere al meglio le sue grandi potenzialità nel Mediterraneo e in Medio Oriente.

NATO-Russia

L’opportunità del cessate il fuoco in Siria

Amb. Robert E. Hunter
Center for Transatlantic Relations, Johns Hopkins-SAIS
2

La riduzione delle ostilità in Siria offre agli Stati Uniti l’opportunità di ripensare le propria politica in Medio Oriente e nei confronti di Europa e Russia, da considerare come parte di unico scenario strategico.

TERRORISMO

Contrasto al terrorismo: sfide e prospettive

S.E. Ely Ould Mohammed Vall
Già Presidente della Mauritania
5596700-3x2-940x627

Gli sforzi locali, regionali e internazionali restano insufficienti e inefficaci contro il terrorimo e l'estremismo, che richiedono un rafforzamento della cooperazione e una strategia appropriata.

 

Mediterraneo-Medio Oriente

Al Qaeda, Islamic State e il “terrorismo fai da te”

Laura Quadarella Sanfelice di Monteforte
Analista, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
Al-Qaeda-ISIS-Islamic-State-Zawahiri-Baghdadi

La correlazione tra il radicalismo islamico e la caduta dei regimi che controllavano gran parte del Medio Oriente e Nord Africa non basta a spiegare l’esplosione della minaccia jihadista. La risposta è molto più articolata di quanto si può immaginare.

Mediterraneo-Medio Oriente

La Libia riparte dalla lotta al terrorismo

Emiliano Stornelli
Direttore, Programmi Mediterraneo e Medio Oriente, Comitato Atlantico Italiano
TogetherforPeace_English_400

L'accordo siglato in Marocco è il primo risultato significativo dei negoziati sulla Libia promossi dalle Nazioni Unite. L'accordo prevede la formazione di un nuovo governo di unità nazionale che sarà chiamato a porre fine ai conflitti che continuano a dilaniare il paese dalla caduta di Gheddafi. La priorità è sconfiggere ISIS e gli altri gruppi terroristici.

NATO-Russia

Ucraina: il tempo delle riforme

Amb. Alexander Vershbow
Vice Segretario Generale, NATO
20140305_140305-nuc_rdax_775x516

Il supporto della NATO ha reso l'Ucraina più forte e capace di rispondere alle minacce. Tuttavia, le riforme devono essere realizzate subito per rendere la difesa dell'Ucraina più efficace. Attendere la fine della guerra non è un'opzione.

BALCANI

Sicurezza in Europa: sfide e minacce

S.E. Mimi Kodheli
Ministro della Difesa, Albania
mimi-kodheli

Considerando le crisi attuali, la pace e la stabilità nei Balcani non possono essere considerate come ovvie e scontate. La NATO, l’Unione Europea e l’intera comunita’ internazionale devono essere in grado di reagire in maniera rapida e con le necessarie capacita’.

 

Mediterraneo-Medio Oriente

USA-Iran: l’accordo sul nucleare e la politica regionale

Amb. Robert E. Hunter
Center for Transatlantic Relations, Johns Hopkins-SAIS
zarif-kerry-lausanne

L'accordo sul programma nucleare iraniano non consentirà di tirare un respiro di sollievo. L'instabilità continuerà in Medio Oriente, anzi la situazione potrebbe peggiorare.

 

Mediterraneo-Medio Oriente

Dottrina Obama e Iran: un rischio calcolato?

Prof. Fabrizio W. Luciolli
Presidente, Comitato Atlantico Italiano e Atlantic Treaty Association
obama2

L'intesa sul programma nucleare iraniano si basa su un “rischio calcolato” che andrà ponderato considerando non solo gli effetti sulle relazioni tra Stati Uniti e l’Iran ma, soprattutto, l’impatto sulle dinamiche geopolitiche in Medio Oriente.

 

Il Futuro dei Cristiani nel Grande Medio Oriente

Iraq, il dilemma dei cristiani

S.E. Habeeb Mohammed Hadi Ali Al Sadr
Ambasciatore della Repubblica dell'Iraq presso la Santa Sede
iraqi-christians

A causa dell’occupazione dell’Iraq da parte dell’ISIS, tutti I leader religiosi cristiani del Medio Oriente continuano a chiedere con forza alla comunità internazionale di salvare i cristiani dispersi, prevenire la loro emigrazione e liberare il paese. Se lo scenario attuale si protrarrà nel tempo, saremo responsabili di aver inflitto un colpo mortale alla multiculturalità dell'identità irachena. La nuova generazione irachena ha il compito di costruire un futuro migliore, consolidando le relazioni tra cristiani e musulmani e costruendo ponti di pace tra le due religioni.

 

La necessità del dialogo interreligioso, Francesco Zannini, PISAI
Le sfide dei cristiani in Turchia, Michelangelo Guida, Istanbul 29 Mayis University
L'evoluzione della condizione dei cristiani nel Golfo, J.L. Samaan, NATO Defense Coll.
Il dramma dei cristiani nell'Africa Sub-Sahariana, Anna Bono, Universita' di Torino
Essere cristiani nel Corno d'Africa, Federico Battera, Università di Trieste
La Russia e la difesa dei cristiani in Medio Oriente, Marta Allevato, AsiaNews
Le donne cristiane nel mondo musulmano, Marta Petrosillo, ACS Italia

 

TERRORISMO

Europa sotto attacco

Prof. Vittorfranco Pisano
Capo Dipartimento Scienze Informative per la Sicurezza, UNINTESS
terroristi-infiltrati-italia-isis

Per quanto riguarda ISIS in Europa, Italia inclusa, tre sono gli aspetti interconnessi che meritano specifica attenzione: la minaccia diretta, l’incognita dei cosiddetti “combattenti stranieri” e la problematica adozione di una politica comune di contrasto.

 

TERRORISMO

Terrore, Propaganda e Disinformazione

Prof. Vittorfranco Pisano
Capo Dipartimento Scienze Informative per la Sicurezza, UNINTESS
isis-in-ramadi

The rise of ISIS leads us to reflect on the nature, extent and recent developments of the salient aspects of unconventional conflicts, whose many demonstrations contravene both the legal rules and civil society codes on the proper conduct of controversies.

 

News

NATO-UE

Ciclo di lezioni del Presidente Luciolli su "L'Evoluzione della NATO e le relazioni con l'Unione Europea", Master in Peace Studies, Università Roma TRE " (27 maggio).

Club Atlantico Modena

Incontro del Presidente con il Club Atlantico di Modena. Università di Modena e Reggio Emilia (25 maggio).

YATA

Incontro del Presidente con i giovani della Youth Atlantic Treaty Association. Milano (23 maggio).

Siria

Conferenza del Direttore del Programma Mediterraneo e Medio Oriente, Emiliano Stornelli, su "Il futuro della sicurezza in Medio Oriente: il caso della Siria", Turkiye Gençlik Vakfi - Malaysian Student Association in Turkey (Istanbul, 18 maggio).

Vertice di Varsavia

Conferenza del Presidente Luciolli su "L'evoluzione dei Concetti strategici NATO e gli effetti sulle responsabilità dei Paesi Alleati" e il vertice di Varsavia. Roma, Centro Alti Studi per la Difesa (16 maggio).

Sicurezza nel Mediterraneo

Conferenza del Presidente Luciolli su "NATO, i Comitati Atlantici e il futuro della sicurezza cooperativa nel Mediterraneo", in occasione dell'inaugurazione del Club Atlantico di Napoli, Palazzo della Borsa (Napoli, 13 maggio).

Montenegro

Intervento del Presidente Luciolli su "UE ed Europa sud-orientale: un fallimento nella protezione dei confini?", al 6° 2BS Forum organizzato dal Consiglio Atlantico del Montenegro. A margine dell'evento avrà luogo il Consiglio Direttivo dell'Atlantic Treaty Associati0n (Budva, 5-6 maggio).

Summit di Varsavia

Intervento del Presidente e di una delegazione dell'ATA alla presentazione del rapporto Alliance Revitalized: NATO for a New Era, organizzata dal Center for Transatlantic Relations, SAIS - Johns Hopkins University (Washington DC, 27 aprile).

Programma Transatlantico

Programma d'incontri con rappresentanti delle istituzioni e dei think tank organizzato dall'Atlantic Treaty Association (Washington DC, 25-29 aprile).

NATO e terrorismo

Intervento introduttivo del Presidente Luciolli su “L’impegno della NATO nel contrasto al terrorismo” al convegno di studio "La lotta al terrorismo transnazionale: un ruolo per la NATO?", organizzato dall’Università Cattolica del Sacro Cuore, Facoltà di Scienze Politiche e Sociali, Dipartimento di Scienze Politiche, con il patrocinio del Comitato Atlantico Italiano, dell'Atlantic Treaty Association e della NATO Public Diplomacy Division (Milano, 19 Aprile).

Montenegro

Intervento di apertura del Presidente Luciolli alla Tavola Rotonda "Prospettive delle Forze Armate del Montenegro all'interno della struttura della NATO", organizzata dal Consiglio Atlantico del Montenegro (Podgorica, 4 aprile).

Iran

Intervento del Presidente Luciolli alla Conferenza "Il Medio Oriente dopo l'Accordo nucleare con l'Iran", Camera dei Deputati (Roma, 9 marzo).

Università

Intervento del Presidente Luciolli su "Atlantic Treaty Association, Comitato Atlantico Italiano e il mondo accademico", Club Atlantico di Modena (Modena, 23 febbraio).

Asia centrale

Intervento del Direttore di Ricerca, Dott. Emiliano Stornelli, su "La partnership NATO-Kazakhstan: questioni aperte e prospettive di rafforzamento", alla Conferenza "Il Kazakhstan e la geopolitica del mondo multipolare", Isiamed, Camera dei Deputati (Roma, 21 dicembre).

ATA

Il 19 novembre, in occasione della 61ª Assemblea Generale dell’Atlantic Treaty Association (ATA), ha avuto luogo a Bruxelles, Palais d’Egmont, la conferenza internazionale Sicurezza cooperativa e minacce interconnesse. La conferenza organizzata dall'ATA ha preso in esame le sfide e le minacce comuni alla sicurezza della regione euro-atlantica, mediterranea e del Golfo. Il Vice Segretario Generale della NATO, S.E. Amb. Alexander Vershbow, è intervenuto sul tema La NATO verso il Summit di Varsavia.

 

Foto

Video

Unable to get Youtube feed. Did you supply the correct feed information?